Casa Learco

La Comunità educativa residenziale Casa Learco offre accoglienza familiare residenziale, stabile e continuativa, a bambini ed adolescenti in difficoltà, all’interno di un clima familiare in cui poter crescere serenamente. L’équipe del Villaggio, in stretta collaborazione quando possibile con i genitori, il tutore, i servizi sociali e la partecipazione attiva dei bambini e ragazzi stessi, costruisce il progetto educativo individuale per ogni minore accolto. Particolare attenzione viene posta all’accoglienza di bambini provenienti dallo stesso nucleo familiare. Accoglie al massimo 10 minori di entrambi i sessi nella fascia d’età tra 0 e 18 anni.

La Struttura è ubicata al piano terra della seconda unità familiare del Villaggio.
La casa, è composta da una zona giorno comprensiva di cucina, lavanderia, sala da pranzo con salone adibito a spazio ricreativo. La zona notte è composta da camere singole o doppie per i minori e da una stanza per gli educatori in servizio. All’esterno inoltre la Struttura ha un vasto giardino privato che permette ai bambini e ai ragazzi di giocare all’aperto.

Prestazioni garantite ai bambini e ragazzi accolti:
Accoglienza residenziale stabile e continuativa;
Partecipazione attiva dei minori alla vita della casa;
Mantenimento e sostegno nella relazione con la famiglia d’origine ove possibile;
Vitto adeguato per quantità e qualità alle esigenze dei minori e regolato da tabella dietetica fornita dalla ASL;
Collegamento con strutture aggregative del territorio per la partecipazione dei minori in base ai loro bisogni e desideri;
Percorsi di orientamento e inserimento sociale o lavorativo

Lo Staff è composto da un’equipe multidisciplinare di educatori professionalmente preparati. Viene garantita l’adeguata presenza durante le ore diurne e notturne. L’equipe si riunisce settimanalmente per la programmazione delle attività e per la verifica dell’intervento educativo nei confronti di ogni singolo ragazzo e del gruppo. L’equipe si avvale di una supervisione psicologica esterna mensile e di percorsi formativi pianificati annualmente.

L’ammissione è subordinata alla richiesta del servizio sociale di competenza ed all’impegnativa di spesa dell’ente pubblico che richiede l’inserimento.

Il progetto di ammissione (modalità, tempi, comunicazioni) viene concordato con il Direttore. Nella fase di inserimento vengono coinvolti il bambino/ragazzo, la sua famiglia e l’assistente sociale titolare del caso. Il coordinatore del servizio ha il compito di predisporre i preparativi e definire le modalità che agevolino il nuovo inserimento. All’atto di ammissione/inserimento i servizi responsabili dell’inserimento dovranno fornire la documentazione relativa al minore: Decreto del Tribunale, Progetto Quadro, Documenti d’identità, Stato di famiglia, documentazione sanitaria)

Il Progetto Educativo Individualizzato viene elaborato e sviluppato in modo coerente con il Progetto Quadro formulato dal Servizio di riferimento del bambino/ragazzo. Nella formulazione e realizzazione del PEI viene coinvolto il bambino/ragazzo – P.E.Pa. (Progetto Educativo Partecipato)

La Dimissione dalla comunità educativa di norma avviene nei tempi e con le modalità previste nel progetto individuale. Il processo di dimissione è personalizzato e graduale comprende una preparazione del bambino/ragazzo e dei suoi familiari. In casi eccezionali ove la presenza del ragazzo all’interno della comunità risulti pregiudizievole o dannosa per il ragazzo stesso o per gli altri ospiti o per gli operatori, la Direzione previa comunicazione in tempo debito e con motivata spiegazione ai servizi invianti può richiedere la dimissione anticipata. In caso di dimissione volontaria (fuga) il coordinatore della comunità ne dà immediata comunicazione all’autorità competente e provvede secondo le modalità previste e concordate al momento dell’ammissione. Nelle tre fasi del processo vengono applicati gli standard di Quality4Children.

La retta di accoglienza per i servizi residenziali offerti viene definita annualmente dal Consiglio di Amministrazione del Villaggio SOS di Mantova e successivamente comunicata all’Ente pubblico competente La retta giornaliera standard per i servizi di accoglienza residenziali è di € 100/00 più iva.

La retta comprende: assistenza educativa qualificata 24 ore su 24 per tutto l’arco dell’ anno vitto e alloggio vestiario spese scolastiche spese mediche: acquisto medicinali, esami medici, analisi di laboratorio, spese per attività ludico/ricreative e/o sportive svolte all’esterno.

La retta non comprende: protesi non coperte dal S.S.N. – prestazioni specialistiche (psicoterapie, psicomotricità, logopedia, ecc.) non coperte o non erogabili tramite i Servizi territoriali competenti e/o S.S.N., incontri protetti.

Spese aggiuntive o straordinarie. Servizi aggiuntivi e straordinari non contemplati nell’elenco, ed i relativi costi a carico dell’Ente pubblico, vengono di volta in volta concordati tra i servizi invianti e la Direzione del Villaggio. In particolare per i neonati e i bambini con disabilità o patologie.